I camion in Italia viaggiano sempre di più verso Nord Est. E sempre di più stranieri.

33

Non più Torino-Milano-Genova. Oggi il triangolo formato dalle connessioni tra Milano-Bologna-Padova è diventato decisamente più importante. Lo dicono le merci e quindi i camion che le trasportano. Perché se nel triangolo industriale simbolo degli anni Sessanta e Settanta oggi viaggiano circa 148mila camion, in quello che dalla Lombardia e dall’Emilia piega i suoi angoli verso il Nord Est oggi ne passano 240mila. Circa il 60% in più. E’ un dato che emerge da un’analisi dell’Ufficio studi della CGIA basata proprio su un elemento pratico: il numero di camion che quotidianamente transitano sulle principali autostrade del paese.

E che ci siano traffico lungo le direttrici verso il Nord Est lo dicono sempre più i numeri. Se infatti considera che mediamente ogni giorno sull’intera rete autostradale italiana transitano 9.085 camion, sulla A4 Brescia-Padova sono moltiplicati per tre, arrivando a 26.262. Più di quelli sull’A4 Milano-Brescia (24.699) e più di quelli sull’A1 Milano-Bologna (21.633). Ma i numeri dicono pure un’altra cosa: quei 9.085 veicoli pesanti che oggi transitano sulla rete autostradale italiana sono ancora il 12% in meno rispetto ai 10.334 che si registravano nel 2007. Ad aver recuperato e superato i dati di traffico rispetto ai livelli pre-crisi sono soltanto tre autostrade: l’A5 Aosta-Traforo del Monte Bianco (+16,2%). La T1 Traforo del Monte Bianco (+8,6%) e l’A22 del Brennero-Verona (+2,3%). Questo insegna anche un’altra cosa: che la crescita maggiore in termini di flussi merci è quella diretta o in arrivo dall’estero. Insomma, se è vero che il centro produttivo del paese si è piegato dal Nord Ovest al Nord Est, è anche vero che a sostenere la nostra economia e quindi a dare una risorsa fondamentale di ossigeno all’autotrasporto è soprattutto l’export.

E qui arriviamo alle note dolenti. Perché se è vero che i flussi di merci lungo le rotte oltre confine crescono, cresce sempre di più pure il peso delle aziende di autotrasporto straniere nella gestione di questi flussi. Analizzando i dati Eurostat riferiti ai traffici bilaterali dell’Italia con i principali partner europei vengono fuori dati eloquenti in tal senso. I camion di paesi terzi che assorbono il traffico tra Italia e Francia sono il 35,2% del totale. Salgono al 45,3% se si considerano i traffici tra Italia e Austria e schizzano addirittura al 48,7% relativamente agli scambi Italia-Germania. Stiamo parlando cioè di camion riferiti ad aziende che non appartengono a nessuno dei due paesi di origine e destinazione delle merci. Come a dire che nel trasporto di merci tra qui e la Germania soltanto un camion su due è italiano o tedesco. L’altro arriva da altrove. E se guardate le targhe di quelli che incrociate in autostrada, capirete anche da dove.

 

(Uomini e Trasporti)