Superammortamento, è boom anche nel 2017

154

Vendite in crescita su tutti i comparti: autocarri +42%, rimorchi +12%, commerciali +9%

Anche nel primo trimestre 2017 il mercato italiano dei veicoli industriali, commerciali e rimorchi sta dando ottima prova di sé per effetto delle misure governative. Il superammortamento al 140% sui beni strumentali d’impresa, la legge Sabatini e le risorse stanziate con il decreto per gli investimenti a favore delle imprese di autotrasporto (disponibili fino ad aprile 2017) stanno facendo volare alto l’immatricolato, specie per quanto riguarda i mezzi pesanti, con un andamento oltre ogni più rosea aspettativa. Vediamo di seguito i singoli settori.

AUTOCARRI – Secondo l’Anfia, nel 1° trimestre 2017 sono stati rilasciati circa 6.479 libretti di circolazione di nuovi autocarri (ovvero il 42,5% in più dell’analogo trimestre 2016). Prendendo in esame solo marzo 2017, sono stati emessi 2.365 libretti di nuovi veicoli (+52,9% rispetto a marzo 2016).
Dal punto di vista geografico il mercato degli autocarri è concentrato al Nord (27% Nord-Ovest e 28% Nord-Est), con il 19% al Centro e il restante 26% diviso tra Sud e Isole. Guardando invece al peso totale a terra, sono state segnalate 1.244 nuove registrazioni per veicoli con peso superiore a 3,5 ton e inferiore a 16 ton, che rappresentano il 19% del mercato, e 5.235 nuove registrazioni per veicoli con peso uguale o superiore a 16 ton. Per
tipologia, 2.936 sono autocarri rigidi (+33% e pari al 45% del mercato) e 3.543 trattori stradali (+51,3%). Anche se con numeri leggermente differenti, questo trend ascendente è sostanzialmente confermato dal Centro Studi e Statistiche dell’Unrae, che stima per il mese di marzo 2017 un aumento del 36,2% delle immatricolazioni di veicoli industriali con ptt oltre le 3,5 ton, sempre rispetto allo stesso mese del 2016 (2.455 unità immatricolate contro 1.803). Per l’Unione l’incremento nel 1° trimestre 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016 sale al 23,7%, con 6.105 veicoli immatricolati contro 4.934. L’Unrae comunica inoltre che per i veicoli con massa totale a terra uguale o superiore alle
16 ton a marzo 2017 si registra un +46,7% (2.030 veicoli) rispetto al marzo dell’anno precedente (1.384 veicoli), mentre nel trimestre gennaio-marzo si ha un +26,7% sullo stesso periodo del 2016 (4.985 unità contro 3.934). Ricordiamo che il mercato degli autocarri ha chiuso il 2016 a +54% e, nel quarto trimestre, c’è stata una crescita ‘monstre’ del 108%, con volumi di immatricolazioni pari a un terzo del venduto annuale.
Infine un’occhiata ai marchi. Leader del mercato degli autocarri medi-pesanti è Iveco-Astra con il 36,5% di quota, seguito da Volvo, Scania e Mercedes-Benz. Iveco detiene anche il 64% del mercato nella classe di peso tra 3,5-16 ton e il 30% nella classe di peso uguale o superiore a 16 ton.

RIMORCHI – I nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti immatricolati nel 1° trimestre sono stati 4.396 (+11,9% su gennaio-marzo 2016), ripartiti in 393 rimorchi (+49,4%) e 4.003 semirimorchi (+9,2%). Nel solo marzo si sono poi avuti 1.958 libretti di circolazione per trailer e semitrailer con ptt superiore a 3,5 ton (+14%), suddivisi in 178 rimorchi (+100%) e 1.780 semirimorchi (+9,3%). Anche questi sono dati Anfia. I veicoli trainati pesanti avevano chiuso il 2016 a +40% e, nell’ultimo trimestre le immatricolazioni
avevano rappresentato il 29% del mercato annuale, con un incremento del 65% rispetto allo stesso periodo del 2015.

COMMERCIALI – Più lento, ma sempre notevole lo sviluppo del mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5 t) che chiudono il 1° trimestre al +8,6% (43.130 immatricolazioni, + 3.500 rispetto alle 39.700 del gennaio-marzo 2016). È stato soprattutto il mese di marzo a premiare il settore, con un incremento del 13,5% e 17.400 veicoli venduti, rispetto ai 15.329 dello stesso periodo 2016, che peraltro era già stato un ottimo risultato (+33%). La previsione dell’Unrae è che a fine 2017 l’incremento del mercato dei veicoli commerciali toccherà l’8%, con circa 216.000 immatricolazioni
complessive.

A chiusura riportiamo anche le cifre sul parco circolante italiano a fine 2016 (veicoli iscritti al PRA). In giro sulle nostre strade ci sono oltre 4 milioni di autocarri merci (+1,9% rispetto al parco 2015), 162.000 trattori stradali (+5,3%) e oltre 365.000 rimorchi e semirimorchi (+3,1%). Ancora molto basso il dato sugli autocarri con alimentazione alternativa circolanti: poco più di 133.000, appena il 2,8% del totale.

Articolo estratto da Uomini&Trasporti del 21.04.2017