IVECO da record in Italia con Mecar protagonista: oltre 1.000 gli Stralis a gas naturale liquefatto venduti nel 2018

104

Il 2018 di IVECO si è chiuso con nuovo record per il brand: il mese di dicembre, infatti, ha fatto registrare un significativo incremento dei volumi di vendita dello Stralis a gas naturale liquefatto (LNG) che sono più che raddoppiati rispetto al 2017, con oltre 1.000 unità vendute nell’ultimo anno. Dalle 463 unità di Stralis LNG vendute nel 2017 si è passati ad oltre 1.000 unità a fine dicembre 2018: tutto questo grazie al carburante fossile più pulito in assoluto, che garantisce ai pesanti stradali IVECO il 90% in meno di NO2, il 99% in meno di PM e, con il biometano, il 95% in meno di CO2 rispetto alle equivalenti versioni diesel. Tra questi dati Mecar è risultata protagonista e decisiva con 60 veicoli a gas naturale liquefatto venduti, quasi il 10% delle vendite su tutto il territorio nazionale.

“Sono profondamente orgoglioso dei traguardi di vendite raggiunti nell’anno appena concluso” dichiara Gianandrea Ferrajoli, Presidente Mecar Spa, Vice Presidente Cecra Bruxelles,  Presidente Federauto Trucks. “I risultati ottenuti premiano e rendono tangibile l’impegno costante che noi, insieme a IVECO, abbiamo impiegato nel diffondere una cultura dei trasporti che sia concretamente attenta a tematiche di interesse collettivo, come l’eco-sostenibilità. La fornitura di mezzi autoarticolati a gas naturale liquefatto va a inserirsi in un contesto economico-sociale più ampio, in cui l’alimentazione a diesel è in fase di graduale eliminazione per dare sempre più spazio a fonti di energia sostenibile. Il settore dei trasporti e della logistica è in piena fase di cambiamento: il record di vendite ottenuto nel 2018 evidenzia che informazione e innovazione sono i motori del progresso. Appurato che l’LNG rappresenta la soluzione più efficiente in termini di sostenibilità ambientale e di costi, siamo certi che il 2019 sarà un anno ancora più importante per una riduzione sostanziale delle emissioni inquinanti e un crescente ricorso a carburanti puliti. Siamo in piena corsa e la meta è sempre più vicina: grazie al nostro approccio disruptive continueremo ad agire, innovando e divulgando gli effetti tangibilmente positivi del gas naturale liquefatto per contribuire alla salvaguardia della salute ambientale”.

Grazie alla leadership nella tecnologia a gas naturale, IVECO ha conquistato nuovi clienti per più del 25% delle vendite totali 2018 di STRALIS NP sul mercato italiano. Dotato di una tecnologia che coniuga elevate prestazioni e grande sostenibilità ha raccolto sin da subito forti consensi: un veicolo che ha abbattuto definitivamente il tabù delle lunghe distanze, con un’autonomia di 1600 km fra un rifornimento del doppio serbatoio a LNG e quello successivo.

I test effettuati dalle principali testate specializzate europee, posizionano lo Stralis NP in cima alla classifica con un ampio margine rispetto ai camion diesel tradizionali in termini di consumi e di riduzione delle emissioni di CO2.

I volumi di vendita confermano ancora una volta che il gas naturale rappresenta la più efficace alternativa al diesel, consente una circolazione libera anche lungo le percorrenze soggette ai severi vincoli imposti dalle norme antinquinamento e fa dei mezzi LNG una categoria privilegiata in paesi come la Germania, dove sono esonerati dal pagamento dei pedaggi.

Premiato come “Sustainable Truck of the Year 2019” dalla rivista italiana Vado e Torno nella categoria Tractor per aver “portato il livello delle prestazioni alla soglia necessaria per sostituire il diesel in qualsiasi mission e alzato l’asticella delle dotazioni per ottenere il massimo di comfort, sicurezza e quindi di sostenibilità”: lo Stralis NP 460 ha dimostrato di essere il veicolo ideale per un trasporto realmente sostenibile, sia sotto il profilo ambientale sia sotto quello economico.

Anche il contesto economico sta virando in una direzione che conferma le scelte strategiche compiute da IVECO e Mecar nell’ambito delle alimentazioni alternative. Le Regioni del Nord Italia, per esempio, si stanno orientando sempre più verso un trasporto pulito attraverso provvedimenti come quello adottato da Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, che introduce il blocco del traffico per i veicoli maggiormente inquinanti.