Gianandrea Ferrajoli tra i relatori dell’Automotive Dealer Day 2018

50

Automotive Dealer Day, giunto alla sua sedicesima edizione, torna a Verona dal 15 al 17 maggio: saranno presenti tutti gli attori del settore, a partire dalle assemblee delle associazioni dei concessionari fino ai costruttori esteri (Unrae), che hanno scelto l’evento di Quintegia per la propria conferenza stampa  – in programma martedì 15 maggio alle 15.00 – dedicata al futuro della mobilità, con la presentazione di studi di ricerca e proposte su come accompagnare il percorso verso una mobilità realmente sostenibile per il nostro Paese.La formula non cambierà: da una parte ci saranno oltre 60 tra workshop e masterclass, dall’altra parte l’area espositiva, con gli stand delle aziende della filiera della distribuzione automobilistica, dall’altra ancora i meeting di associazioni di concessionariCase auto e aziende.

Il programma di Automotive Dealer Day 2018 sarà lo specchio dell’evoluzione del mercato. Il focus sarà duplice: da una parte, ci saranno contenuti di formazione, ovvero soluzioni pratiche immediatamente spendibili in azienda, e contenuti maggiormente di scenario per comprendere al meglio l’evoluzione del settore e innovare le proprie imprese. Sono 25 i workshop in programma, con 60 relatori; l’agenda si completa con altri 15 tra meeting ed eventi riservati. Numerosi gli studi, i focus e le indagini di settore, a partire dalla survey targata Quintegia su I processi di acquisto e l’approccio all’elettrico, l’indagine DealerSTAT sulle relazioni fra case e reti di distribuzione a partire dal livello di soddisfazione dei dealer italiani. Gianandrea Ferrajoli giovedì 17 maggio alle 11:30 presso la Sala Respighi relazionerà sul tema “Truck e LCV: risorse umane, formazione e networking al centro”.

Previste, tra le altre, le relazioni di Giuseppe Panarese (Amazon Services Europe); Lapo Elkann con il progetto Garage Italia; Jared Hamilton(DrivingSales.com); Tommaso Carboni (Google); Andrea Caldironi (Facebook Italia); e Steve Young (ICDP – International Car Distribution Programme).Un focus importante sarà acceso sul passaggio, molto evidente in concessionaria, dalla centralità del prodotto auto a quella dei servizi ad essa legati. Un altro tema forte sarà certamente l’integrazione tra fisico e digitale, aspetto ormai diventato prioritario all’interno degli showroom. Poi, si parlerà di auto usate e post-vendita.