Dati Acea 2017: il bilancio di Gianandrea Ferrajoli, coordinatore Federauto Trucks

41

Secondo i dati dell’ACEA – l’European Automobile Manufacturers’ Association – le immatricolazioni nell’UE nel 2017 hanno segnato un andamento positivo in tutta l’Unione Europea, con 2,4 milioni di veicoli commerciali registrati (+3,2%). La Spagna ha guidato questa crescita con il più alto aumento in percentuale (+13,5%), seguita da Francia (+6,9%) e Germania (+3,3%). Per contro, la domanda in Italia (-2,3%) e nel Regno Unito (-4,4%) è diminuita nel 2017. Per quanto riguarda le immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri, ne sono stati registrati circa 2 milioni nell’UE (+3,9%): Spagna (+15,5%), Francia (+7,1%) e Germania (+4,9%) hanno visto la crescita più forte, mentre la domanda di furgoni è diminuita nel Regno Unito (-3,6%) e in Italia (-3,4%). La domanda di veicoli commerciali pesanti ha registrato invece un piccolo incremento con 297.171 nuovi veicoli (+0,5%). Il mercato italiano ha mostrato i maggiori guadagni (+8,4%), seguito da Francia (+6,9%) e Germania (+1,4%).

Rispetto all’eccezionale risultato ottenuto nel 2016, il 2017 ha visto una lieve contrazione del comparto, registrando un rallentamento nella seconda parte dell’anno. E’ stato sicuramente molto importante che il Governo abbia riconfermato il superammortamento sui veicoli commerciali e industriali, seppur con una riduzione di 10 punti percentuali. In Italia occorrono incentivi strutturali e continuativi che possano contribuire alla più veloce sostituzione del parco circolante, con evidenti benefici sulla sicurezza stradale e sulla sostenibilità ambientale”, afferma Gianandrea Ferrajoli, Coordinatore di Federauto Trucks, nel commentare i dati ACEA.

Il 2017 ha registrato un’importante crescita delle nuove fonti di energia: abbiamo visto come il carburante LNG da scommessa futuristica sia diventato una realtà di rilievo, ponendosi al centro del dibattito quotidiano. L’elettrico e il metano stanno iniziando ad affermarsi sempre di più nel segmento del trasporto leggero, mentre l’LNG è cresciuto molto nel trasporto pesante. Il nostro settore è cambiato profondamente, stiamo assistendo alla riduzione del numero di player a vantaggio di gruppi dalle dimensioni più grandi, capaci di offrire prodotti e servizi in località diverse su scala regionale. Nel 2018 il nostro settore dovrà affrontare 3 sfide importanti: la digitalizzazione di tutto il comparto, la capacità di cogliere nuove opportunità sul mercato grazie al processo di acquisizioni a vantaggio di gruppi sempre più strutturati e, infine, la diversificazione della value proposition al cliente”, ha concluso Gianandrea Ferrajoli.